Caduta dei capelli. Cause e rimedi

Da sempre i capelli rappresentano il biglietto da visita di uomini e donne di tutte le età. In alcune culture indicano ancora forza, virilità e bellezza. Inevitabilmente la loro caduta viene associata a un processo di invecchiamento fisico cui nessuno vorrebbe andare incontro.

Tuttavia, l’idea che la caduta dei capelli si verifichi solo in età avanzata deve essere necessariamente sfatata dal fatto che sono moltissimi i giovani che, già a partire dall’ingresso nella pubertà, riscontrano una caduta massiccia dei capelli o un diradamento che mette in mostra il cuoio capelluto. Nei casi più severi, la caduta si può estendere a quasi tutto lo scalpo. Si parla di calvizie.

Cos’è la calvizie

La calvizie è una condizione molto comune che interessa uomini e donne di tutte le età a partire proprio dall’inizio del processo di maturazione fisica. Le percentuali di individui che ne soffrono sono altissime. Si parla, infatti, di più dell’80% degli uomini al mondo e quasi il 50% delle donne.

Esistono diverse forme di calvizie ma la più comune è definita alopecia androgenetica. Il nome deriva dal fatto che la caduta dei capelli è causata dall’azione negativa di ormoni androgenetici sui follicoli piliferi del cuoio capelluto.

Un ormone in particolare, il diidrotestosterone, noto con la sigla DHT, è responsabile dell’interruzione del ciclo di vita del capello che lo porta a crescere fino all’esaurirsi del fisiologico processo di sopravvivenza che termina con una caduta che porterà poi alla nascita di un nuovo capello.

Ciclo di vita del capello

Ogni giorno tutti noi perdiamo all’incirca cento capello. Si tratta di un processo fisiologico che non deve destare preoccupazioni. Ogni capello, infatti, è soggetto a un ciclo di vita che si sviluppa come segue:

  • Fase anagen: fase di crescita del capello, in cui si verifica una prolifica attività di riproduzione cellulare. Ogni capello cresce in media 1 – 1,5 cm al mese.
  • Fase catagen: fase in cui l’attività del capello inizia a diminuire.
  • Fase telogen: fase di riposo del follicolo pilifero che si conclude con la perdita del capello.

Come agisce l’ormone DHT

Il DHT nasce dalla sintetizzazione del testosterone da parte di un particolare enzima, definito 5-alfa reduttasi di tipo 2. Il DHT agisce ostacolando il ciclo di vita del follicolo pilifero attaccandolo e impedendo la sua attività di crescita e sviluppo.

Questo fenomeno avviene solo in individui geneticamente predisposti. Gli esperti non sono ancora riusciti a identificare esattamente quale sia la combinazione genetica che porti alla caduta dei capelli e alla calvizie ma conducono continuamente studi approfonditi sull’argomento.

Esistono rimedi alla caduta dei capelli?

Le terapie contro la calvizie sono atte all’inibizione del processo di sintetizzazione del DHT da parte dell’enzima 5-alfa reduttasi. Esistono farmaci ad uso topico e sistemico in grado di rallentare il processo di caduta e, in alcuni casi, di invertirlo. Tra questi ricordiamo in particolare Finasteride e Minoxidil.

La loro assunzione deve essere pianificata attentamente dopo visite specialistiche da un tricologo, un dermatologo specializzato nella cura dei capelli e del cuoio capelluto.

Trapianto di capelli

Il trapianto di capelli rappresenta la soluzione chirurgica alla calvizie. Al giorno d’oggi esistono molti centri in tutto il mondo specializzati in questa forma di chirurgia. Le più innovative tecniche offerte dal mercato portano a ottimi risultati.

Rivolgersi a centri affidabili e sicuri è essenziale al fine di tutelare la propria salute e ottenere una resa estetica soddisfacente.

Tricopigmentazione

Tecnica non chirurgica, non invasiva e dal risultato immediato è, infine, la tricopigmentazione. Tramite l’inserimento puntiforme di pigmenti specifici nel derma, il tecnico specializzato è in grado di ricreare l’effetto di uno scalpo rasato con capello corto e di donare un aspetto più folto a chi invece vuole mantenere i capelli lunghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll To Top